Crea sito

Sali, tabacchi e cannabis? Antiproibizionisti contro il monopolio

Legalizzare la cannabis. Premono alcuni procuratori e l’intergruppo parlamentare ma il movimento antiproibizionista mette in guardia dai rischi del monopolio

di Checchino Antonini

antimonopolismo-cannabinico-million-marijuna-march-italia-27-maggio-2017-roma

Se davvero lo spaccio di cannabis è la prima voce del Pil della ‘ndrangheta, il proibizionismo stile Giovanardi rischia di rasentare il favoreggiamento, il concorso esterno visto che a costruire le mafie sono i proprio i proibizionismi. Come su altre questioni, ad esempio la tortura, ogni tanto anche in questo paese sembrano aprirsi squarci di possibilità, embrioni di debat public, che rapidamente si richiudono. Un dibattito forse “drogato” da chi, dietro dichiarazioni di antiproibizionismo, punta a costituire un monopolio che manterrebbe lo stesso livello di repressione limitandosi solo a spostare una parte degli enormi flussi di denaro che ruotano attorno alla cannabis senza il coinvolgimento  delle aspirazioni all’autocoltivazione dei settori più avanzati del movimento cannabico.

E’ proprio quello che sta succedendo in queste ore con una sorta di pressing, da parte di alcuni procuratori, per mettere l’Italia al passo con i Paesi dove la regolamentazione di marijuana e cannabis si sta sperimentando. Da Napoli, il convegno ‘Prima (invece) di punire’, promosso dall’associazione «Not Dark Yet» si è proposto di riattivare il dibattito pubblico e la discussione sul tema della liberalizzazione della cannabis. Il giudice Nicola Quatrano ha evidenziato che in Parlamento, «giace la proposta sulla legalizzazione della cannabis come strumento di riduzione dell’area di illegalità e degli spazi per la criminalità organizzata». Occorre, insomma, riaccendere i riflettori «perché si rischia di perdere la guerra alle droghe». Serve un dibattito, dice Sergio D’Angelo, a capo del movimento Gesco, per «rimettere in gioco un movimento di contributi, idee, da parte di personalità, imprenditori, studiosi, ricercatori ma anche di gente comune».

In un messaggio inviato al convegno, Franco Roberti, a capo della Procura nazionale antimafia, ha ribadito la posizione dell’Ufficio di cui è a capo «espressa in più relazioni e, da ultimo, nel parere formulato sui disegni di legge all’esame del Parlamento». «Si inquadra in una più ampia strategia di contrasto alla criminalità organizzata e al terrorismo, che, di fronte alla crescita esponenziale del consumo di droghe leggere (3 milioni di consumatori abituali soltanto in Italia) – ha spiegato – tende a invertire questo trend, rafforzando gli strumenti di indagine contro i trafficanti e contro il riciclaggio dei loro profitti illeciti e, nel contempo, a razionalizzare l’impiego delle forze di polizia consentendo loro di concentrarsi sul contrasto alle droghe ‘pesanti’ e a quelle sintetiche». «Come Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, – ha proseguito – stiamo operando per promuovere e coordinare una svolta nelle indagini contro i trafficanti di morte e i santuari finanziari, puntando soprattutto sulle indagini sul web e sul deep web». «Siamo favorevoli a una disciplina che attribuisca ai Monopoli di Stato, in via esclusiva – ha evidenziato – la coltivazione, lavorazione e vendita della cannabis e dei suoi derivati; siamo però radicalmente contrari alla previsione di autorizzare la coltivazione della cannabis ai privati, sia in forma individuale sia associata, perché ciò rappresenterebbe un varco per il reingresso nell’affare da parte della criminalità organizzata». L’esperienza spagnola, da questo punto di vista è interessante: è in corso un formidabile sbarco di capitali stranieri per controllare il futuro mercato cannabico spagnolo. Per la maggioranza di questi investitori, le associazioni cannabiche, i cannabis social club, sono un problema. Si profila uno scontro fra il movimento e gli imprenditori. Da un lato autocoltivazioni e cannabis social club, dall’altro un’industria aggressiva e con pochi scrupoli. Il rischio principale è la commercializzazione, come segnala spesso Forum Droghe e l’arcipelago antiproibizionista, che già si sta producendo. «La cannabis muove molto denaro e c’è molta gente che può provare a pervertire il processo di regolamentazione per affermare oligopoli – dichiara a Fuoriluogo, Martin Barriuso, consosciuto in Spagna come Mr. Cannabis social club – tuttavia, io sono molto ottimista. Nel movimento cannabico abbiam fatto un gran lavoro per cambiare la percezione sociale della cannabis, e credo che abbiamo raggiunto in larga parte i nostri obiettivi. Le nuove generazioni non capiscono nè accettano il proibizionismo e questo può ancora crescere nel futuro. I partiti politici lo sanno e alcuni hanno cambiato radicalmente la propria posizione. Nei distinti parlamenti regionali e nazionale si sta parlando molto di una nuova regolamentazione e son convinto che sia solo questione di tempo per arrivarci».

 

Questa dicotomia andrà in scena anche alla 17a Million Marijuna March convocata anche in Italia il 27 maggio a Roma: «Con il monopolio, mai vedremmo riconosciuto il nostro diritto di auto-coltivare le piante personali e verremmo puniti non solo per la pessima 309/90 come ora, ma anche per violazione del monopolio regolato dal Regio Decreto 907 del 17 luglio 1942», così si legge sulla convocazione della marcia.

E, ancora: «Disposti a tutto e senza nessuna etica, questi autentici servi sciocchi pensano di essere furbacchioni, tanto che provano a spacciarci per legalizzazione il monopolio totale che é il suo esatto contrario! Abbiamo anche dovuto osservare i professionisti di note e blasonate sigle del cosiddetto “non punizionismo” o “non proibizionismo” (o perfino dell’antiproibizionismo) elemosinare durante le audizioni alla Camera per la #CannabisLegale un posto a tavola per accedere al banchetto di trasformazione in profitti per loro dei diritti calpestati della popolazione di utilizzatori della nostra amata pianta.

La PL (proposta di legge) dell’Intergruppo prevede di finanziare con la percentuale del 5% (che in audizione in molti, anche proibizionisti, proposero di innalzare al 25%, ) il fondo per la lotta alla droga dal quale poi verrebbero utilizzati per finanziare molti e diversi progetti. (vedi link: http://bit.ly/2nK037w).

Con quei proventi del monopolio ci si finanzierebbero dalle comunità terapeutiche proibizioniste ai progetti di alcune realtà un tempo vicine a noi, con le quali avevamo firmato documenti come la “Carta dei diritti delle persone che utilizzano sostanze – Genova 2014″.

Li osserviamo lanciati ora all’inseguimento dei finanziamenti per consulenze e/o progetti vari (e non sempre finalizzati a fini di reale utilità sociale) espressione di quello stesso mondo che già ora, prima ancora dei finanziamenti dai fondi del monopolio, troviamo impegnati a sperperare denaro pubblico per progetti come quello del “telefono amico contro gli abusi da Cannabis”, finanziato dalla regione Toscana. Un “servizio” che giudichiamo oltre che inutile anche culturalmente sbagliato e degno dell’oscurantismo proibizionista più becero, che sfrutta quella falsa e antiscientifica immagine della cannabis come sostanza da abuso!

Alcuni di costoro, li abbiamo sentiti addirittura chiedere 50 milioni di euro annui per ridurre l’inesistente danno da abuso di cannabis, “intercettando” gli utilizzatori di cannabis nei futuri negozi del costruendo monopolio che la legalizzazione farebbe emergere dalla clandestinità. Chissà perché non iniziano intanto con l’intercettare gli alcolisti già ora “intercettabili” all’ora dell’aperitivo in ogni bar o nelle enoteche, birrerie e osterie di tutto il Paese, visto che l’alcol è già legale?

Ne abbiamo già scritto analizzando le audizioni, ma a breve ci torneremo per un approfondimento sui conflitti di interesse di quelle lobby che, inseguendo il profitto, si sono seduti al banchetto della PL dove sarebbero proprio e solo i nostri diritti da anni reclamati, le nostre battaglie per un’altra necessaria politica sulle droghe, il “capretto sacrificale”.

Ma quei trenta denari fanno gola anche a quei negozi che vendono attrezzature a chi coltiva e che sperano di accedere alle concessioni monopoliste per divenire la nostrana versione dei coffee shop e poter vendere in esclusiva ciò che ora i loro clienti auto-coltivano. Ci riferiamo a quel mondo commerciale di settore, fintamente antiproibizionista, tanto da fare le fiere perfino in strutture dei Casamonica».

E’ dal 2014 che il movimento antiproibizionista allerta sul rischio imminente del monopolio sulla Cannabis e sugli immensi danni che provocherebbe la ancora maggiore repressione necessaria a proteggerlo. Il monopolio aggraverebbe la già tragica e insostenibile situazione dei danni da proibizionismo e, «mentre la stragrande maggioranza degli interessati al tema riteneva imminente la finta ” legalizzazione” della PL dell’Intergruppo finalizzata al monopolio, siamo stati i soli (o quasi) ad affermare – e per un intero anno – che era solo propaganda per preparare il terreno in attesa del definitivo varo nel successivo governo che, molto probabilmente, con maggioranze diverse uscirà dalle prossime elezioni nella futura legislatura».

La PL dell’Intergruppo ha ricominciato il suo iter in commissione alla Camera ma non si sa se si riuscirà a vararla in questa legislatura o se, molto più probabilmente, anche con un diverso nome ma identico impianto legislativo, sarà invece riproposta nella successiva legislatura da un’altra maggioranza.

«Ciò che è sicuramente certo è che non smetteranno di tentare di preparare il monopolio e anche che, dopo un anno, la loro propaganda è stata da noi evidentemente ridicolizzata. Basti pensare che Daniele Farina, relatore alla Camera della PL dell’Intergruppo finalizzata al monopolio totale, per non perdere ulteriormente la faccia e avendo preso atto che nessuno abbocca più alle loro favolette, ha in autunno abbandonato la definizione da lui creata per addolcire la pillola “monopolio attenuato” e, nel presentare il suo emendamento in legge di stabilità, lo ha non a caso definito finalizzato al “monopolio puro” (vedi link: http://www.millionmarijuanamarch.info/2-non-categorizzato/74-monopolio-puro.html)».

Ad alimentare il dibattito anche, con una lettera inviata al quotidiano La Repubblica, il pm Henry John Woodcock, ha evidenziato che «varrebbe la pena di cominciare a pensare a strategie di contrasto dell’illegalità che superino una impostazione meramente repressiva, e soprattutto bisognerebbe immaginare un progetto che in un futuro, speriamo non lontano, consenta di impiegare le ‘energie umanè, oggi impiegate nel mercato illegale della cannabis (e, di regola, sfruttate dalla criminalità organizzata), nell’auspicabile ‘mercato legalizzatò della stessa».«Deve essere lo Stato nella sua centralità, e in via esclusiva, a occuparsi della coltivazione, lavorazione e vendita della cannabis e dei suoi derivati. Così sottrarremo spazi di mercato alle organizzazioni criminali come ‘ndrangheta e camorra, o ai clan nord africani, afgani, albanesi».

million-marijuna-march-italia-2017-roma-27-maggio-antimonopolismo-cannabinicohttp://popoffquotidiano.it/2017/05/06/legalizzare-la-cannabis-dubbi-della-million-marijuana-march/

Author: Davide Nardi

Davide Nardi nasce a Milano nel 1975. Vive Rimini e ha cominciato a fare militanza politica nel 1994 iscrivendosi al PDS per poi uscirne nel 2006 quando questo si è trasformato in PD. Per due anni ha militato in Sinistra Democratica, per aderire infine nel 2009 al PRC. Blogger di AFV dal 2014

Share This Post On

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi